Home FACEBOOK Chi Siamo Dove Siamo Statuto Relazioni Contatti Aggiungi ai Preferiti Trovaci in Home Page Segnala il sito ad un tuo amico
AGENDA Cultura e Attualità Documenti Utili Eventi e Iniziative Info Utili L Esperto Racconta Le Nostre Storie Rassegna Stampa Sentenze di Casssazione
Ti Trovi in » AGENDA Stampa questo articolo Segnala questo Articolo ad un tuo Amico

"CHI SIAMO"
L’Associazione PapaSeparati Lombardia si costituisce, con l’ausilio del CIESSEVI di Milano e tramite scrittura privata, il 20 settembre 2005, ancorché le attività, riconducibili alle finalità meglio riportate nello Statuto all’art. 3 (redatto dall'Avv. Quiroz Prf di Diritto Civile all'Università di Bologna), siano state di fatto espletate, inizialmente, solo da alcuni degli attuali soci fondatori, a partire dal 2001.

Stimolati dalla partecipazione ad altre associazioni presenti sul territorio italiano, alcuni soci fondatori hanno cominciato ad avviare le prime attività anche sul territorio Lombardo, affinché si potesse giungere ad un progetto di compartecipazione nazionale volto a tutelare, in qualsiasi forma conentita, il Diritto della Bigenitorialità dei Minori.


Il rapporto esistente tra i matrimoni celebrati nel 2003 (dati Istat pubblicati dal Il SOLE-24 ORE del 25 luglio 2005) e il confronto con le separazioni e divorzi avvenuti nello stesso anno è pari, su scala nazionale, al 4,9 di separazioni e divorzi ogni 10 matrimoni.
 
La Regione Lombardia supera la media nazionale con un rapporto pari al 6,3 di separazioni ogni 10 matrimoni, ponendosi, nello scenario nazionale, in testa alla classifica con un totale di 36.520 matrimoni contratti nel 2003 contro 22.979 separazioni e divorzi nello stesso anno, seguita dalla Regione Lazio con 15.573 separazioni e divorzi,dalla Regione Piemonte con 12.728 ed Emilia Romagna con 10.689.
I dati succitati, non suggerirebbero alcun significato, alle motivazioni che inducono alla costituzione della nostra Associazione, se non si aggiungesse che i minori coinvolti nei procedimenti di separazione sono 1.200.000 (fonte IL SOLE-24 ORE il 31 ottobre 2005 pag. 2), e che vengono privati di una delle due figure genitoriali nella misura del 83,9% su scala nazionale. 

La privazione avviene sistematicamente nei riguardi della figura Paterna, che in seguito ad una separazione si trova di fatto Separata, sotto il profilo relazione ed educativo, dai propri Figli. Da qui le ragioni della denominazione della nostra Associazione: Papà Separati, praticamente, dai propri Figli.
La drammaticità che sovente si presenta, porta con se risvolti umani e pratici non sempre profondamente compresi e adeguatamente supportati dalle Istituzioni, che si pronunciano, sui rapporti di natura genitoriale/parentale, anche in assenza di situazioni pregiudizievoli per i minori coinvolti. Nonostante la presenza anche di un impianto normativo che oggettivamente dia la possibilità ad entrambi i genitori di condividere la crescita di un minore (vedi Affido Congiunto, ora sostituito dalle nuove norme di Affidamento Condiviso), i procedimenti di separazione non possono sottacere, per prassi oramai consolidata nella giurisprudenza, l’esclusione al minore sempre e solo della figura del Padre. 

A questo stato di incongruenza legale/giuridica, che sovente sfocia in sofferenza di natura psicologica per il mancato riconoscimento del ruolo genitoriale proprio dell’individuo, si aggiungono situazioni di natura pratica che accrescono lo stato del disagio. Si pensi ad esempio sia alla privazione della casa coniugale, che all’erogazione delle quote di mantenimento, la cui entità non controllata non offre la possibilità al Padre di reperire, seppur in locazione (laddove sovente non esistono altre proprietà immobiliari in capo alla famiglia), un alloggio dove poter vivere e altresì accogliere agevolmente la prole. Per meglio illustrare entrambe le dinamiche, si tenga conto che le quote di mantenimento dei minori, assorbendo una percentuale pari a circa il 25% del reddito, per un solo figlio, si esprimono in valori assoluti nella misura di €uro 250 su uno stipendio medio mensile di €uro 1.000 (fonte IL SOLE-24 ORE del 31 ottobre 2005 pag. 2), con la conseguenza che i restanti €uro 750, quasi sempre non risultano sufficienti per poter sostenere l’onere di una locazione, in modo particolare sul mercato immobiliare, incontrollato, della Provincia di Milano. In tale situazione si rende evidente che la reale impossibilità, da parte del Padre, di reperire un alloggio, pregiudica “quindi” il mantenimento di significative e costruttive relazioni dei figli con il genitore escluso dal loro affidamento. La dinamicità con cui si modificano le relazioni genitoriali con il padre, di per sé già penalizzate per la separazione in corso, pone in essere elementi di ulteriore drammaticità, determinate anche dall’assenza di soluzioni, di natura Istituzionale, che possano permettere e garantire una serena organizzazione delle nuove regole di vita e di relazione a cui ciascun componente della famiglia va incontro. 

Il disagio rilevabile nell’ambito di una disgregazione famigliare non esclude le madri, le quali vengono a trovarsi da sole a crescere i propri figli, ed in talune occasioni non sostenute economicamente, vuoi perché il padre non riesce più a garantire per sé una vita dignitosa, fino al punto di perdere il proprio posto di lavoro, vuoi perché il padre sentendosi deresponsabilizzato dalla crescita dei propri figli e vedendo con loro solo un mortificante rapporto di natura economica e non edificante di natura affettiva, tende ad interrompere ogni relazione con la propria famiglia. In tali circostanze l’assenza di un lavoro accresce il disagio economico delle madri che si trovano cosi impossibilitate a garantire un adeguato tenore di vita ai propri figli. Il disagio nascente su entrambe le figure geitoriali, che si trovano a lottare tra loro per chi meglio economicamente dovrà sopravvivere, ed in assenza di adeguati supporti Istituzionali, sfocia in relazioni conflittuali a danno dei minori, sino ad arrivare alla loro completa strumentalizzazione, quale espressione di conflitti irrisolti e mal gestiti, attraverso il ricatto economico, la negazione e la privazione dei figli a danno del genitore escluso dal loro affidamento. 

Proprio dalla comprensione di questo particolare disagio, non del tutto qui relazionato, in quanto privo di ulteriori elementi riconducibili all’assenza di adeguate mediazioni famigliari contro la presenza invece di speculazioni economiche che ruotano attorno alle pratiche legali/psicologiche richieste nella procedura di separazione, che i soci fondatori hanno iniziato a porre in essere attività finalizzate a :

  • Tutelare gli interessi del minore, garantendogli il mantenimento delle relazioni personali e contatti diretti in modo regolare con entrambi i genitori, ricevendo cure, educazione, istruzione; l'affetto da ciascuno di essi è il nostro obiettivo principale. In sostanza una "nuova cultura", che porta, anche dopo la separazione entrambi i genitori ad "educare insieme" i figli in posizione di assoluta parità, dando importanza soprattutto alla normale crescita psicofisica di essi; 
  • Aiutare coloro che vivono questa esperienza diffondendo i "diritti dei figli" e dei “genitori”, promuovendo la cultura della solidarietà a vantaggio e a favore delle categorie sociali più svantaggiate e di una migliore qualità della vita dei minori a rischio e dei figli dei separati;
  • Fornire assistenza umana e sociale ai genitori che, per qualsivoglia ragione, si trovino in difficoltà nello svolgimento della funzione naturale di genitori;
  • Promuovere attività educative e culturali intese a valorizzare la funzione genitoriale;
  • Organizzare riunioni, convegni, congressi, attività formative curando la diffusione di notizie ed informazioni;
  • Far emergere una casistica di situazioni abnormi comunque permesse dall'attuale legislazione e prassi e supportata dall'attuale cultura

Le attività sino ad oggi espletate in tal senso sono state svolte presso locali privati, a volte anche abitazioni, messi a disposizione di coloro che hanno creduto nelle finalità della nostra organizzazione, e si sono diffuse, sempre privatamente, nella Regione Lombardia, tra le province di Milano, Lecco, Bergamo, Varese. Abbiamo ricevuto in diverse occasioni l’assistenza gratuita di Psicologi e Avvocati, tramite i quali siamo riusciti a dare almeno un primo sostegno e una prima informativa sulle dinamiche della separazione. In alcuni casi, siamo riusciti a far acquisire, nei momenti di aggregazione e grazie al confronto con altre esperienze personali, un maggiore equilibrio psicologico, precedentemente appesantito dal forte impatto emotivo dovuto alla separazione. Attraverso il “passa parola” tra i contatti interpersonali sviluppati, siamo riusciti a trovare alloggi a costi proporzionati alle capacita economiche residuate in seguito ai provvedimenti giuridici sull’assegnazione delle case coniugali e alla determinazione, incontrollata, delle quote di mantenimento. In altri casi ancora, sempre attraverso il “passa parola” è stata facilitata l’individuazione di posti di lavoro sia per padri che per madri separate, bisognosi. Grazie inoltre ai contatti che alcuni dei soci fondatori hanno con il Banco Alimentare dell’Emilia Romagna e alla disponibilità di un negozio di abbigliamento nel Bresciano, che riusciamo ad avere in alcune occasioni cibo e vestiti che vengono consegnati, prevalentemente sulla piazza della provincia di Bergamo, a Papà che, ridotti in uno stato di indigenza economica, si mostrano a noi fortemente bisognosi (in virtù del mancato regolamento economico della casa coniugale di proprietà o comproprietà con l’ex coniiuge, di fatto espropriata, e dell’appesantimento economico di quote di mantenimento incontrollate nonché da onerose spese legali e psicologiche sostenute).

Sotto il profilo Sociale alcuni soci fondatori impiegano nell’ambito delle loro quotidiane relazioni circa due ore al giorno dedicate all’ascolto e al sostegno materiale, soprattutto di padri separati, per un monte complessivo di ore pari a circa 100 al mese.

Sotto il profilo informativo abbiamo curato l'implementazione e la gestione di un sito internet, che a tutt’oggi possiamo considerare una sorta di Front-Office informativo sulla rete internet : www.papaseparati.it.

Sotto il profilo Culturale abbiamo avviato coordinamenti non solo nazionali ma anche con altre realtà estere, per sensibilizzare le Istituzioni Politiche affinché recepiscano il problema tentando di darne una risposta. E’ infatti riconducibile ad alcuni soci fondatori della presente Associazione la “Million Dads March”, che in simultanea viene organizzata in altri paesi del mondo per sensibilizzare infatti le Istituzioni a rispettare il Diritto della Bigenitorialita dei Minori.

Sempre agli stessi soci fondatori è riconducibile un ulteriore iniziativa internazionale, la cui prima edizione è stata realizzata nel Dicembre 2004 Super Father4Christmas, avente la finalità di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza anche del Padre per la crescita di un figlio.

I soci fondatori dell’Associazione hanno organizzato, con la partecipazione di altre realtà associative, per due anni di seguito, il “Festival Della Paternità”, che si è tenuto in entrambe le occasioni nella città di Monza.

Sotto il profilo politico abbiamo organizzato e raccolto sul territorio Lombardo, una “Petizione”, che ad oggi ha raccolto, a livello nazionale,  oltre 10.000 firme, a sostegno del progetto di legge, sull’affido condiviso dei minori, approvato nel gennaio 2006 dal Parlamento.

Avendo sino ad oggi organizzato sul territorio Lombardo le succitate attività i soci fondatori, nell’ambito di un progetto associativo, che intende svilupparsi con prospettive di carattere nazionale, hanno inteso ufficializzare la propria volontaria aggregazione con la costituzione di una Associazione senza fini di lucro che possa rispettare i criteri del volontariato ed acquisire una autonoma gestione di coordinamento Regionale, dotandosi pertanto di un proprio organo deliberante e di rappresentanza, di un proprio bilancio e di un propria identificazione fiscale.

I programmi che ci vedono impegnati nello sviluppo dell’Associazione, prevedono, l’intensificazione delle attività sopra citate per meglio organizzarle sul territorio Lombardo, attraverso la crescita del numero delle Sedi e dei punti di ritrovo. Tra le prossime iniziative intendiamo: 

 

  • organizzare incontri periodici di ascolto affinché si possano raccogliere le esperienze personali e far emergere quindi il disagio sociale;
  • organizzare un Sito internet da riferire esclusivamente alle attività che l’Associazione organizzerà sul territorio Regionale;
  • oorganizzare convegni e congressi affinché si possa meglio comprendere l’indirizzo del legislatore che si sta adoperando per poter trovare una soluzione attraverso la modifica del diritto di famiglia;
  • aumentare i punti di ritrovo per fornire informative psicologiche/legali;
  • aumentare i punti di distribuzione e di ritrovo per sostenere materialmente i Padri e Madri bisognose, con cibo, abbigliamento, ricerca di occupazioni di lavoro e alloggi immobiliari.

Consci che la problematica che intendiamo rappresentare si possa risolvere attraverso la diffusione di una nuova cultura con cui affrontare una separazione, nell’interesse esclusivo dei minori, intendiamo sviluppare un organismo Associativo che, facendo riferimento alla legge quadro del volontariato 266/91, aiuti e sostenga il disagio sociale emergente dal progressivo incremento delle disgregazioni familiari.

 

Stampa questo articolo Segnala questo Articolo ad un tuo Amico
Consulta altre pagine di : » AGENDA

dalla Home Page :
» Monza 12 febbraio 2024 - Convocazione Assemblea Ordinaria

» CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA STRAORDINARIA

» MONZA - INCONTRI MENSILI DI AUTO MUTUO AIUTO - ANNO 2024

» IL 5 PER MILLE AI PAPA' SEPARATI

» - V Festival della paternità - 2017

» Milano - 28 Giugno "Dalla fabbrica del divorzio alle nuove povertà"

» "D A D D Y S ' ♥ P R I D E - ROMA 2017"

» ALER: LOCAZIONE TEMPORANEA DI ALLOGGI (BILOCALI ARREDATI) RISERVATI A GENITORI SEPARATI E/O DIVORIZIATI CON FIGLI MINORI.

» Coniugi legalmente separati o divoriziati potranno accedere ai bandi pubblici di edilizia residenziale pubblica

» 15/07/2015: modificati i criteri di accesso alle case popolari per i padri separati

» REGIONE LOMBARDIA : ALTRI 4.000.000 DI EURO PER I GENITORI SEPARATI

» La Regione Lombardia capofila per la tutela genitori separati

» Coniugi separati o divorziati: approvata la legge che tutela i senza casa e chi è in difficoltà economiche

» Il 5 per mille a Papà Separati Lombardia: codice fiscale 94024530134

» E’ pignorabile la casa familiare assegnata al coniuge affidatario del figlio

» L'Associazione AIUTA I PAPA' SEPARATI IN DIFFICOLTA'

» Barack Obama per la paternità responsabile

» Circolare Moratti - Pagelle anche ai Papà


Fai una donazione a PSL
Iscriviti alla NewsLetter di PSL


MONZA E BRIANZA - Incontri

MILANO - Milano, Incontri Associativi

COMO - INCONTRI TUTTI I SECONDI LUNEDI DEL MESE

VARESE - Prossimi incontri Varese/Busto Arsizio Giugno

Monza 12 febbraio 2024 - Convocazione Assemblea Ordinaria

PAPA'SEPARATI LOMBARDIA Onlus - info@papaseparatilombardia.org